Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

Bawer Altamura, 2° posto al Memorial Drago, Salvatore, Stendardi

Mercoledì 24 Settembre 2014 in News

Da rivedere la prima uscita contro Nardò, meglio contro Castellaneta

Finisce con un secondo posto e con Milos Radovic premiato come miglior under del torneto il triangolare in memoria dei Dirigenti valentiniani Drago, Salvatore e Stendardi, organizzato dalla Valentino Basket Castellaneta.

Il torneo ha visto confrontarsi il Nardò, squadra che si appresta a militare in C1, i padroni di casa del Castellaneta, formazione di serie C2 e la Bawer Libertas Altamura, neo-promossa in C2.

La Libertas si è presentata a Castellaneta priva di Barozzi e Calia, quest'ultimo infortunato, perciò coach Laterza ha dovuto impiegare dai primi minuti il volenteroso Di Marzio e Kopriviza. Radovic, Fui e De Bartolo completavano il quintetto. Durante la gara l'Altamura ha dovuto sempre inseguire, soffrendo la pressione dei salentini sui portatori di palla. Il migliore in campo per i biancorossi è stato proprio Radovic, che ha cercato il dialogo con koprivica e tentato diverse percussioni. Inoltre si è aggiunta anche la giornata no da oltre l'arco degli esterni altamurani. La gara si è conclusa 44-35 per il Nardò.

Nel secondo match la Libertas ha sfidato i padroni di casa. L'inizio sprint dei valentiniani ha creato qualche gratta capo agli avversari, che comunque hanno tenuto sempre sotto tiro il Castellaneta. Ma alla lunga la Bawer è venuta fuori. Koprivica ha fatto sentire il proprio peso sia in attacco che in difesa, mentre Fui e compagni hanno cominciato a scaricare triple che hanno affossato le speranze degli avversari di rimontare dopo delle timide reazioni. La gara si è chiusa 35-42 a favore degli altamurani.

Alla fine della manifestazione ci sono state le premiazioni oltre che dei team anche del miglior giocatore (Provenzano del Nardò) e il miglior giovane (Radovic dell'Altamura).

A meno di un mese dall'inizio della regular season, Laterza e De Bartolo dovranno ancora lavorare molto per affinare tutti i meccanismi, ma la fiducia è tanta. Vamos Mura!!!