Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

IL 2015 INIZIA CON IL BOTTO

Mercoledì 14 Gennaio 2015 in News

Altamura torna a vincere, Ruvo espugna Foggia, Manfredonia asfalta Cerignola, cade Vieste

La penultima giornata di campionato, la prima del nuovo anno, conferma il trend delle precedenti e sopratutto l'imprevedibilità di un campionato che si dimostra sempre più avvincente. Ora sono 3 squadre a comandare il torneo: un Manfredonia in grandissima forma, una Adria Bari che non perde da 4 giornate ed infine Cerignola che attende il recupero dei suoi uomini migliori. Seguono a ruota Vieste, Foggia, Altamura e Ruvo. Brindisi è sola a 12 punti, mentre Fasano, Castellaneta e Lecce è il blocco fermo a 10 punti. Subito dietro a soli 4 punti Angiulli, che si vede avvicinare da Santeramo, vittoriosa nello scontro diretto, la quale appaia Barletta.

Partiamo da quella che forse è stata la sfida più emozionante, sopratutto perchè decisa dopo ben 3 supplementari. Altamura e Castellaneta hanno dato sfoggio delle loro qualità in un match senza esclusione di colpi, che ha visto la Libertas esser sotto nel primo tempo anche di 9 lunghezze. La reazione dei locali è stata vanificata da un ultimo quarto bruttino che ha portato tutti al supplementare dopo il pari 61. Nei 5'+5' successivi una serie di botta e risposta hanno reso il match palpitante. C'è voluto un terzo supplementare in cui Favia (11pnt) e Fui (27pnt) hanno messo dentro 3 bombe che hanno steso i viaggianti. Per Moliterni (21pnt) e Resta(20 pnt) resta solo la bella prestazione e gli appluasi di tutto il palazzetto. ALTAMURA 94 – CASTELLANETA 87 d.t.s.


Partita molto più semplice quella del Manfredonia, nonostante al cospetto avesse la capolista Cerignola, imbottita di giovani causa squalifiche. Non è decisamente partita la resistenza degli ofantini che si sono ritrovati ad inseguire subito dopo il 21-0 di parziale marchiato da Bohanon (49 pnt e top scorer della giornata) e l'ex di turno Rubbera (26 pnt). Ottima la prova del play Gramazio (17pnt), soprattutto nel limitare in difesa il cecchino Panaggio autore comunque di 20 pnt. Alla fine per Manfredonia ha dilagato. MANFREDONIA 123 – CERIGNOLA 59

Continua la sua cavalcata in rimonta Ruvo che ha steso la Diamond nella sua roccaforte, fino a quel momento illibata. Il match è stato una molla fatta di sorpassi e controsorpassi. Nonostante le 4 bombe del primo quarto di Ruvo, Taylor (25 pnt) è riuscito a portare i suoi avanti, 29-21. Ma la Talos, da brava formica operaia, ha rosicchiato punti su punti ed è rientrata in partita grazie ad un Sierra strepitoso (33 pnt). È stata anche la verve del nuovo acquisto ruvese Stanojevic (14pnt) a permettere il sorpasso. Da lì in avanti le due squadre se le sono date di santa ragione, non riuscendo però a prevalere sull'altra, fino all'ultimo quarto, quando 6 punti consecutivi di Picuno e un errore di Vigilante sull'ultimo possesso hanno consegnato i due punti a Ruvo. FOGGIA 85 – RUVO 88

Ha la meglio del Barletta l'Adria Bari che comunque onora il match scendendo in campo con la migliore formazione. Coach Lo Izzo visto il confortante vantaggio, 24-9 alla fine del primo quarto, assicurato sin da subito, ha ruotato tutti gli uomini in campo. Alla fine saranno ben 9 gli uomini a referto, Maietta (21pnt) e Ambruoso (20pnt) i migliori in campo in termini di punti. ADRIA BARI 87 – BARLETTA 51

Ha vinto Brindisi l'importante match contro Lecce. Un primo quarto di grande equilibrio ha fatto presagire una partita tiratissima, ma nella seconda frazione un 11-20 dei viaggianti ha complicato le cose in casa Brindisi. La pausa lunga ha rianimato i locali che spinti da Leo (26pnt) hanno ricambiato il break 22-11. Lecce, allora, si è persa d'animo, anche perchè a Marra, stranamente, gli sono entrati solo 9 punti, ed i soli Serio (13 pnt) e Ferrilli (11 pnt), non sono bastati per riaprire il match. Al termine dei 40' il tabellone recitava BRINDISI 72 – LECCE 62

Importantissima vittoria per Santeramo che è andata a raccogliere due punti nello scontro salvezza contro l'Angiulli. Sacrificio e cuore, questo è ciò che sta contrastinguendo la squadra di Labarile, che nonostante parta sfavorita sulla carta, cu ha sempre provato. Con i baresi a condurre fino a +17 del terzo quarto, grazie a Vukovic (20pnt), Santeramo ha ingranato in difesa e in attacco, iniziando a macinare punti. Poi quando negli ultimi 5'' Stano mette dentro la bomba del69-70 èsceso giù il palazzetto. Grande prova del complessivo per i Santermani, ma Difonzo con i suoi 31 punti ha dato sfoggio delle sue doti. Ora Santeramo torna a sperare. ANGIULLI 69 – SANTERAMO 70

Fasano-Vieste è stata una sfida senza esclusione di colpi, tra due compagini con una classifica differente ma con dei roster di tutto rispetto. La gara è proseguita in equilibrio per ben tre quarti e mezzo, con i locali in difficoltà nel arginare Neal (35pnt). Ma a lungo andare i viaggianti carichi di falli hanno perso Monacis e Williams e Manchisi(17 pnt) e co. hanno preso il sopravvento anche grazie al contributo difensivo di Argento e Damasco.FASANO 85 - VIESTE 73

La prossima giornata, l'ultima di andata, vedrà due big match su tutti: Cerignola-Foggia, con i primi che recupereranno Spud, e Ruvo-Manfredonia con i murgiani che oltre a Stanojevic, potranno contare anche sul nuovo acquisto Gergati. Non dovrà sottovalutare l'incontro l'Adria che andrà a far visita a Castellaneta, mentre match da non perdere è quello di Sabato tra Lecce e Altamura, con questi ultimi che recupereranno lo squalificato Barozzi. Per Vieste la sfida in casa contro l'Angiulli dovrebbe essere una formalità, mentre Barletta proverà a conquistare i due punti contro Brindisi, a Fasano toccherà il Santeramo. Non rimane quindi che restare attaccati alle homepage delle società per ricevere aggiornamenti.

Buon Basket a tutti.