Per sfruttare al meglio tutte le funzionalità del sito, aggiorna il tuo browser.

News

Questa la dedichiamo a te

Martedì 26 Gennaio 2016 in News

Torna a vincere la Libertas Altamura

Torna a calcare il parquet la Libertas Altamura dopo il rinvio della gara contro l’Ostuni per avverse condizioni meteo, lo fa siglando un’importante vittoria, non solo dal punto di vista della classifica e del morale, ma per commemorare la scomparsa di Luigi Ladisi, un ragazzo che non si è mai risparmiato quando ha vestito la casacca biancorossa. Pre-partita condito proprio dal ricordo di Luigi dove i familiari, gli amici, i compagni di squadra e la dirigenza, assieme ad un palazzetto stracolmo, hanno voluto ricordare l'atleta rileggendo alcune sue frasi e con una gigantografia che rimarrà in quel palazzetto che ha calcato per diversi anni.

Dopo il minuto di silenzio la partita e' iniziata in un silenzio quasi irreale. Tornando al match Francavilla, nonostante la giovane età, ha dato filo da torcere agli altamurani, giocando una terza frazione in maniera battagliera con un Malamov sugli scudi. Purtroppo per loro, sotto canestro hanno trovato Barozzi e Bjeletic in giornata(quest'ultimo autore di 26 punti e 29 rimbalzi) e, inoltre, la voglia di dedicare la vittoria all'amco scomparso era tanta. Già dal primo quarto i locali hanno dato l’impressione di volerla vincere, grazie ad una superba concentrazione difensiva e ad un gioco in attacco poco farraginoso. Dopo 20’’ di gioco la Libertas era avanti nel risultato, 50-33. Al rientro dall’intervallo gli ospiti hanno provato a riaprirla e l’Altamura è andata in affanno, fino ad un pericoloso -8. Nell’ultimo quarto, quando le maglie difensive dei viaggianti si sono allargate, l’Altamura è stata brava a dare continuità sotto canestro fino alla schiacciata di Barozzi che ha chiuso la contesa. La gara si chiude 80-75 con la Libertas che dedica questa vittoria a Luigi. Mercoledi la Libertas scenderà ancora in campo per recuperare la sfida contro Ostuni, mentre Domenica sarà impegnata in quel di Nardò.

Da ora in avanti si dovrà andare "oltre ogni limite".